05.03.1998

1. SANREMO, POVERA MUSICA... 5 marzo 1998



Carissima Mina,
come tutti i riti italici, si sta celebrando la kermesse canzonettistica di Sanremo, che ancora si fregia del titolo di “Festival della canzone italiana”. Tu, secondo me, sei la persona più indicata per risolvere alcuni dubbi che mi tormentano da anni. Perché i più grandi cantanti italiani non vanno a Sanremo? Perché i nostri giovani storici cantautori non si fanno vedere? Perché il Festival è diventato una ribalta per cantanti stranieri che tra l’altro, nella maggior parte dei casi, cantano in playback snobbandoci clamorosamente e facendoci sentire sempre di più una colonia musicale? Non mi risponderai, lo so. A te che cosa te ne può importare del Festival di Sanremo?

Gian Carlo V., Firenze

Caro Gian Carlo,
di solito, se una persona dotata di normale intelletto decide di non svolgere una determinata attività, le cause possono essere due: o non le interessa o ha di meglio da fare. Si potrebbe scomodare Baglioni oppure Paolo Conte oppure De André oppure Celentano e chiedere loro come mai nelle mitiche serate in cui l’Italietta è seduta davanti al televisore, per una volta tanto senza la frenesia del dito che corre sul telecomando, loro si permettano di dedicarsi ad altro.
Oppure potremmo ricorrere a tutte le dietrologie di questo mondo e inveire contro i meccanismi perversi delle case discografiche e delle multinazionali delle sette note, che pensano di usare il Festival come grande vetrina promozionale di un prodotto di facile consumo. E qui c’è del vero. Nella maggior parte dei casi, se non ti presenti col faccino pulito e rassicurante a cantare una canzone di facilissimo ascolto, del Festival non se ne parla nemmeno!
La televisione maltratta la musica. Ci sono tantissimi giovani molto interessanti che non hanno nessuna chance di farsi sentire. Se non vai a Sanremo, le possibilità di promuovere un nome nuovo sono praticamente nulle. E allora molti talenti con il look stropicciato e la “musicalità cazzuta”, e ne conosco parecchi, sono costretti a rimanere nelle cantine. Ma per fortuna non mollano. È consolante sapere che ce ne sono ancora molti di pazzi che vivono per la musica!
Ecco, e dopo questo bello sproloquio sui massimi sistemi, ci rimetteremo comodi, tutti belli intruppati sui nostri divanetti a fiori e celebreremo, come se niente fosse, il nostro adorato rito sanremese. Io per prima!
Caro Gian Carlo, lascia perdere tutto. Fai come me: ciucciati la tua annuale dose di paillettes e di falpalà e di “rutilante mondo delle sette note”. Ciucciati le solite lacrimucce delle vallette, assistenti, accompagnatrici, come diavolo si chiamano ... che, per non interrompere la tradizione, inciamperanno nei congiuntivi. E ciucciati il solito emozionato stupore degli “ignari” vincitori. E non perderti i pronostici e le discussioni del dopo-festival, sarai mica matto. Insomma, considera che, anno dopo anno, anche se siamo alle soglie del nuovo millennio, Sanremo è la nostra annuale, unica certezza.
Per quanto riguarda i cantanti stranieri, non sono del tuo parere. A me fa piacere avere l’opportunità di ascoltare e vedere quello che fanno in Inghilterra o in America, e quindi, dato che sono quasi sempre più bravi di noi, siano benvenuti tutti gli stranieri! Ti assicuro che c’è sempre da imparare!
Hai visto che ti ho risposto? La verità è che a me il Festival interessa e come ... Non vorrai mica togliermi un così delizioso giocattolone!

12.03.1998

2. LA MODA? È VESTIRCI COME CI PARE 12 marzo 1998

Cara Mina, volevo il tuo parere sulla moda ora che le sfilate stanno finendo. Mi spiego meglio: è che non so più come vestirmi. L’anno scorso siamo stati sommersi dal revival degli anni Settanta: zeppe, pantaloni a zampa di elefante, colori acidi e giacchettini striminziti, poco attraenti per chi quella moda l’ha vissuta in presa diretta. Ma neanche le sfilate aiutano:... Leggi tutto

19.03.1998

3. QUEL MOSTRO È DENTRO DI NOI 19 marzo 1998

Carissima Mina, la ripresa del processo per l’omicidio di Balsorano mi ha particolarmente sconvolto. Tra nuove prove, accuse e ritrattazioni, l’unica cosa certa è che Cristina, una bambina di sette anni, è stata seviziata e uccisa. Quel gioco al massacro tra padre e figlio rende ancora più mostruosa l’intera vicenda. Sì, mostruosa, perché sec... Leggi tutto

26.03.1998

4. IL MIO FELLINI, GENIO FELICE 26 marzo 1998

Cara Mina, ho letto da qualche parte che Federico Fellini scrisse un film apposta per te, “Mastorna”, storia di un’astronave senza ritorno. Mi piacerebbe sapere perché non hai mai voluto accettare la parte che il grande regista ti aveva offerto. E comunque, tu che lo conoscevi bene, come lo ricordi? Era davvero così straordinario anche dal punto di vista umano? E... Leggi tutto
MINA MAZZINI © COPYRIGHT 2022
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk