04.03.2000

Parto "in prestito": IL CERCHIO INFRANTO TRA MADRE E FIGLIO



Se la mamma ci dice di no, corriamo dal papà a scongiurarlo di consentirci di fare quella cosa alla quale teniamo tanto. E quando il papà ci dice di sì e noi siamo felici del risultato che abbiamo faticosamente ottenuto, interviene un terzo Ente che ce lo proibisce di nuovo. E poi un quarto? E un quinto? E allora uno dove va a sbattere la testa? Diteci qualcosa di chiaro, di perentorio, magari crudele, ma definitivo ed inappellabile.
Ho conosciuto donne che si sono fatte squartare nel tentativo di avere un figlio, donne pronte ad accettare qualsiasi tipo di sofferenza fisica. Ma la sofferenza psicologica, il disagio sentimentale provocati dallo sballottamento legale, ministeriale, televisivo e giornalistico potrebbero essere troppo. E quel bambino potrebbe non farcela.
Bisogna essere femmina per avvicinarsi umilmente al tentativo di comprensione di questa faccenda. Non si può spiegare. Il formidabile motore che abbiamo dentro se siamo madri, e spesso lo siamo anche se non abbiamo avuto figli, non lo fermi neppure con il panzer della politica, della legge, della demagogia o del Cupolone. "Maria", se non potrà farlo qui, andrà all'estero a compiere il suo destino, quello per cui è nata. Andrà in America, in Inghilterra o dovunque le leggi del paese, contrariamente alle nostre, consentano la realizzazione del suo sogno.
L'ostinatezza di questa intenzione si è trovata ad essere perquisita da chiunque. Sentenze ed opinioni a computare quella dinamica materna che, però, resiste all'urto di ogni evidenza. In quel cerchio strettissimo che è l'amore tra madre e figlio è entrato come un bulldozer il caravanserraglio massmediatico con tutta la sua pretesa sentenziatrice.
Lo so che in tema di maternità ogni soluzione "innaturale" evoca i fantasmi della costruzione in laboratorio dell'essere umano. E non mi lascio soggiogare dalla semplicioneria di chi non vede pericoli in questa invasione di camici bianchi, di provette e di guanti sterili che realizzano e manipolano embrioni. Se la scelta verrà finalmente lasciata solo a chi ben comprende che la generazione non ha a che fare né con un cedevole sentimento da romanzetto rosa, né con esperimenti da piccolo chimico, rimarrà solo quello stretto rapporto circolare che c'è tra l'amore e la vita.
Insomma, si tratta semplicemente di amore. Amore. Vi ricordate?

26.02.2000

Un articolo di Mina: UN DUBBIO SU JOVANOTTI
Uno straccio di tentativo di pensiero, una opinione, un desiderio di schierarsi, al di là di “cuore e amore”, glielo vogliamo riconoscere a questa povera gente della sottocultura della canzonetta? O dobbiamo per forza rimanere ghettizzati nel nostro patetico gozzaniano mondo fatto di consecutio traballanti e di rime fin troppo prevedibili? Ci vuole la patente per parlare di altro? “Sta’ z... Leggi tutto

11.03.2000

Le notti del sabato: QUANTI NOTAI IN DISCOTECA
Noi lavoriamo a più di 100 decibel. Sono oltre quarant’anni, aiuto!, che in sala di incisione registriamo, riascoltiamo e soprattutto missiamo a 110 dB. Non è il volume che ti stramazza, sono piuttosto le casse non in ordine. Ma se la potenza che sono in grado di mantenere è perfetta, se la natura del suono che possono riprodurre è rispettata e se sono check-uppate ciclicamente e correttamen... Leggi tutto

18.03.2000

I figli dei divorziati: ECCO UN GIUDICE CHE VORREI INCONTRARE
Dio benedica quei giudici. Finalmente! La Corte di Cassazione ci aveva ultimamente abituato a sentenze contraddittorie che spaziavano dallo stupro sulla donna in jeans alla liceità del piedino in ufficio. Ora il buon senso sembra ristabilito e la Suprema Corte si riconcilia con la ragione e i sentimenti di chi non vuole smettere di essere uomo. È reato non educare i figli a vedere e ad amare il... Leggi tutto
MINA MAZZINI © COPYRIGHT 2022
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk