18.03.2000

I figli dei divorziati: ECCO UN GIUDICE CHE VORREI INCONTRARE



Dio benedica quei giudici. Finalmente! La Corte di Cassazione ci aveva ultimamente abituato a sentenze contraddittorie che spaziavano dallo stupro sulla donna in jeans alla liceità del piedino in ufficio. Ora il buon senso sembra ristabilito e la Suprema Corte si riconcilia con la ragione e i sentimenti di chi non vuole smettere di essere uomo.
È reato non educare i figli a vedere e ad amare il genitore separato che non li ha in affidamento. E si tratta, oltretutto, di colpa penale, con relativa carcerazione. “È di intuitiva evidenza - dice la sentenza - il ruolo centrale che assume il genitore affidatario nel favorire gli incontri dei figli minori con l’altro genitore”. E inoltre “l’atteggiamento omissivo finisce col riflettersi negativamente sulla psicologia dei minori, indotti così a contrastare essi stessi gli incontri con la madre perché non sensibilizzati ed educati al rapporto con essa”. La Corte rimprovera al padre condannato “l’influenza negativa che i suoi parenti hanno esercitato sulle bambine mettendo in cattiva luce la loro mamma”.
Giustissimo. Tempi cupi, comunque, questi in cui sono i giudici ad indicare i criteri di fondo per essere genitori. Ma quando l’ambito della famiglia si trova ad essere devastato da tensioni e da spinte determinate dalla logica del “cupio dissolvi”, ben vengano i giudici a ricordarci i diritti dei figli ad avere il padre e la madre come punti di riferimento. Anche se sono separati.
La madre costituisce con il padre il nucleo primo, il punto originario in cui le reciproche volontà, pur nel trambusto di piccoli grandi problemi, di piccoli grandi dolori, creano il solo, vero tessuto di chiarezze, di valori e di ragioni. È quindi solo nella famiglia, dove la madre si pone come umile centro, che la personalità può veramente prendere forza, crescere ed allargarsi.
Le sotterranee rivoluzioni di questi decenni hanno reso il rapporto tra genitori e figli uno straccio, una pallida eco di quello che dovrebbe essere. Forse bisognerebbe tornare alla saggezza antica ed imparare dai grandi tragici greci le tremende conseguenze riservate a coloro che infrangono i legami parentali: da Edipo che si sostituisce al padre e sposa la madre Giocasta, a Clitennestra che ammazza il marito Agamennone e viene a sua volta uccisa dal figlio Oreste, a Medea che elimina i figli per distruggere il frutto del suo amore con Giasone. E allora che Dio benedica quel giudice per aver ridetto la verità di sempre.
Sono pochi gli uomini che vorrei conoscere. Questo giudice lo vorrei incontrare. E ringraziarlo per avere preso una decisione, nella sua storica grandezza, così semplice.

26.02.2000

Un articolo di Mina: UN DUBBIO SU JOVANOTTI
Uno straccio di tentativo di pensiero, una opinione, un desiderio di schierarsi, al di là di “cuore e amore”, glielo vogliamo riconoscere a questa povera gente della sottocultura della canzonetta? O dobbiamo per forza rimanere ghettizzati nel nostro patetico gozzaniano mondo fatto di consecutio traballanti e di rime fin troppo prevedibili? Ci vuole la patente per parlare di altro? “Sta’ z... Leggi tutto

04.03.2000

Parto "in prestito": IL CERCHIO INFRANTO TRA MADRE E FIGLIO
Se la mamma ci dice di no, corriamo dal papà a scongiurarlo di consentirci di fare quella cosa alla quale teniamo tanto. E quando il papà ci dice di sì e noi siamo felici del risultato che abbiamo faticosamente ottenuto, interviene un terzo Ente che ce lo proibisce di nuovo. E poi un quarto? E un quinto? E allora uno dove va a sbattere la testa? Diteci qualcosa di chiaro, di perentorio, magari ... Leggi tutto

11.03.2000

Le notti del sabato: QUANTI NOTAI IN DISCOTECA
Noi lavoriamo a più di 100 decibel. Sono oltre quarant’anni, aiuto!, che in sala di incisione registriamo, riascoltiamo e soprattutto missiamo a 110 dB. Non è il volume che ti stramazza, sono piuttosto le casse non in ordine. Ma se la potenza che sono in grado di mantenere è perfetta, se la natura del suono che possono riprodurre è rispettata e se sono check-uppate ciclicamente e correttamen... Leggi tutto
MINA MAZZINI © COPYRIGHT 2022