13.05.2000

Calcio e polemiche: PER FORTUNA DOMANI È FINITA



Tutti sullo stesso piano. Finalmente. Senza differenze di cultura, di eleganza, di estrazione, di conoscenza del busillis. Che bello! Dovremmo essere grati al calcio, se non altro per questo miracolo ecumenico che ci coaduna in un atollo felice. E non è poco. Più succoso, gratificante e lusinghiero dello stesso calciogiocato è il calcioparlato.
Finalmente, dopo aver fatto piazza pulita della passione ideologica e politica ridotta a straccetto dalla maleducazione di chi ne tratta, ci dedichiamo all’unico definitivo grande amore che possiamo coltivare con competenza: il calcio. Abbiamo l’opportunità di approfondire la conoscenza sulla “sudditanza psicologica” che approda su striscioni e sconvolge gruppi di tifosi più o meno intellettuali. Senza sprecare tempo con campagne elettorali, votazioni, exit-poll, ognuno può esprimere la propria preferenza e sentirsi appagato parlando di ingiustizia, arbitri della situazione, doppio arbitro, macroeconomia, vittorie che non danno potere ma gioia sguaiata. E il gergo è identico tra tifoso presidente e ultrà invelenito.
Per vincere in questo campo non vale più il blasone della nobiltà sportiva, la grandezza del gesto atletico, o l’organizzazione manageriale della squadra. Roba d’altri tempi. Per condire di gusto il pallone sono sufficienti i discorsi infarciti di sospetti. Tutti accomunati dalla ricerca della definizione di quanto accade in questo finale di campionato, che diventa alternativamente sporco, pulito, derubato, sudato, abominevole, sublime, complottistico, adamantino.
Miracolo del calcio, quello di accomunare gli ultrà della Lazio con la dialettica di Moggi-Galliani-Prisco. Potenza dello stadio, che equipara Gaucci e Matarrese che si insultano in diretta dopo Perugia-Bari e le centinaia di tifosi che intasano le autostrade di Internet e i siti sportivi con le loro imprecazioni travestite da analisi tecniche. Prodigio della palla che fa risorgere negli italiani quel senso di giustizia che tutti pensavamo sepolto, tanto da sottoporre a cinque ore di interrogatorio quel poveromadonna dell’arbitro De Santis, come se fosse il peggiore erede di Totò Riina.
Se Dio vuole, domani sarà tutto finito. A meno di qualche appendice per stabilire in un testa a testa chi potrà gloriarsi del titolo. A meno, cioè, di uno spareggio al vertice, per arbitrare il quale sarebbe stato chiamato uno straniero. Boh!
Nell’attesa dell’epilogo finale del campionato più velenoso del secolo, sarebbe celestiale riportare il calcio alla sua dimensione più umana. Sì, un drastico, coraggioso cambiamento, anche di tipo morale. Abolire quegli antiestetici braghettoni che nascondono le cosce degli atleti e obbligare il ripristino dei pantaloncini corti e aderenti di qualche decennio fa. La visione di qualche vistoso, bel ragazzone sarebbe l’unica cosa saggiamente rivoluzionaria. O no?

26.02.2000

Un articolo di Mina: UN DUBBIO SU JOVANOTTI
Uno straccio di tentativo di pensiero, una opinione, un desiderio di schierarsi, al di là di “cuore e amore”, glielo vogliamo riconoscere a questa povera gente della sottocultura della canzonetta? O dobbiamo per forza rimanere ghettizzati nel nostro patetico gozzaniano mondo fatto di consecutio traballanti e di rime fin troppo prevedibili? Ci vuole la patente per parlare di altro? “Sta’ z... Leggi tutto

04.03.2000

Parto "in prestito": IL CERCHIO INFRANTO TRA MADRE E FIGLIO
Se la mamma ci dice di no, corriamo dal papà a scongiurarlo di consentirci di fare quella cosa alla quale teniamo tanto. E quando il papà ci dice di sì e noi siamo felici del risultato che abbiamo faticosamente ottenuto, interviene un terzo Ente che ce lo proibisce di nuovo. E poi un quarto? E un quinto? E allora uno dove va a sbattere la testa? Diteci qualcosa di chiaro, di perentorio, magari ... Leggi tutto

11.03.2000

Le notti del sabato: QUANTI NOTAI IN DISCOTECA
Noi lavoriamo a più di 100 decibel. Sono oltre quarant’anni, aiuto!, che in sala di incisione registriamo, riascoltiamo e soprattutto missiamo a 110 dB. Non è il volume che ti stramazza, sono piuttosto le casse non in ordine. Ma se la potenza che sono in grado di mantenere è perfetta, se la natura del suono che possono riprodurre è rispettata e se sono check-uppate ciclicamente e correttamen... Leggi tutto

18.03.2000

I figli dei divorziati: ECCO UN GIUDICE CHE VORREI INCONTRARE
Dio benedica quei giudici. Finalmente! La Corte di Cassazione ci aveva ultimamente abituato a sentenze contraddittorie che spaziavano dallo stupro sulla donna in jeans alla liceità del piedino in ufficio. Ora il buon senso sembra ristabilito e la Suprema Corte si riconcilia con la ragione e i sentimenti di chi non vuole smettere di essere uomo. È reato non educare i figli a vedere e ad amare il... Leggi tutto
MINA MAZZINI © COPYRIGHT 2022
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk